» » André Gide - L'immoralista MT Ebook-Ita-Pdf-Romanzo

Download André Gide - L'immoralista MT Ebook-Ita-Pdf-Romanzo

Download André Gide - L'immoralista MT Ebook-Ita-Pdf-Romanzo
1.5 MB
E-Books
Language: Italian
Category: E-Books
Title: André Gide - L'immoralista
Rating: 4.6
Votes: 545
Downloads: 11
Size:
1.5 MB

Files

  • André Gide - L'immoralista.pdf (1.5 MB)

Info

L'immoraliste, roman. by. Gide, André, 1869-1951.

L'immoraliste, roman. SINGLE PAGE ORIGINAL JP2 TAR download.

L'immoraliste The Immoralist, André Gide The Immoralist (French: L'Immoraliste) is a novel by André Gide, published in France in 1902. The Immoralist is a recollection of events that Michel narrates to his three visiting friends

L'immoraliste The Immoralist, André Gide The Immoralist (French: L'Immoraliste) is a novel by André Gide, published in France in 1902. The Immoralist is a recollection of events that Michel narrates to his three visiting friends.

Personal recollections from André Gide on a man who profoundly .

Personal recollections from André Gide on a man who profoundly influenced his work-Oscar Wilde André Gide, a towering figure in French letters, draws upon his friendship with Oscar Wilde to sketch a compelling portrait of the tragic, doomed author, both celebrated and shunned in his time. This ebook features a new introduction by Jeanine Parisier Plottel, selected quotes, and an image gallery. 908. Published: 1999. The Counterfeiters: A Novel.

Get £3 off. (Save on your first purchase worth £. 1 or more). You are in the United Kingdom store. Not in United Kingdom?

Ebook ITA has 1,471 books on Goodreads.

Ebook ITA has 1,471 books on Goodreads. They will not be notified.

If you did not find the book or it was closed, try to find it on the site: G. Andre Gide and the Second World War: A Novelist's Occupation. Download (PDF). Читать.

If you did not find the book or it was closed, try to find it on the site: GO. .

L'Immoralita is a film that is difficult to pigeon hole into one 'type' of film, but suffice to say it's an entertaining and well worked thriller with enough substance to satisfy most viewers, providing they can stomach the sometimes uncomfortable tone of the movie. L'immoralità (1978) - Children in Cinema. php?id immoralita-l-1978. This site is absolutly legal and has only shortcut to other sites on the Internet

Read online or download eBooks for free. Browse through our eBooks while discovering great authors and exciting books in Italian.

Discover new authors and their books in our eBook community. Here you can find free books. Read online or download eBooks for free. Free eBooks (BookRix only).






Titolo originale: L'immoraliste
Titolo italiano: L'immoralista
Autore: André Gide
1ª ed. originale:1902
Data di pubblicazione: 2003
Genere: Romanzo
Editore: La Biblioteca di Repubblica
Collana: NOVECENTO
Traduzione:Eugenia Scarpellini
Pagine: 159



André Paul Guillaume Gide nasce a Parigi il 22 novembre 1869 in una facoltosa famiglia di tradizioni ugonotte. Rimane presto orfano di padre, così viene allevato dalla madre Juliette Rondeaux, secondo una rigida educazione puritana. Non lontano dalla loro abitazione di Parigi vive Anna Shackleton, un tempo governante e insegnante di Juliette, alla quale è legata ancora da una forte amicizia. Anna, di origini scozzesi, di carattere dolce, spensierata e intelligente, ha un ruolo importante nella formazione del giovane André: la morte di Anna, nel 1884, segna profondamente Gide, il quale la ricorderà nelle sue opere "La porta stretta" e "Se il seme non muore".
Tra il 1885 e il 1888 André vive un periodo di esaltazione religiosa, che condivide con la cugina Madeleine Rondeaux, tramite una fitta corrispondenza di lettere e letture comuni. Si getta a capofitto nello studio della Bibbia e degli autori greci, iniziando anche a praticare l'ascetismo.
Nel 1891, poco dopo aver scritto il "Trattato di Narciso", Gide conosce Oscar Wilde, da cui rimane spaventato ma anche affascinato. Comincia a leggere Goethe e scopre la legittimità del piacere, a differenza di quanto predicato dall'educazione puritana ricevuta.
Nel 1893 l'amico e giovane pittore Paul Laurens invita Gide a seguirlo in un viaggio pagato con una borsa di studio: questa diventa per Gide l'occasione di una liberazione morale e sessuale; i due viaggiano in Tunisia, Algeria e Italia.
Due anni più tardi muore la madre: il ventiseiennne Gide sposa la cugina Madeleine, persona a cui si era legato sin dall'infanzia e con cui aveva instaurato nel tempo un intenso rapporto spirituale.
Con Copeau, Ghéon, Schlumberger e più tardi Jacques Rivière fonda la "Nouvelle Revue Française", che nel periodo tra le due guerre diverrà la più prestigiosa rivista letteraria europea.
Nel 1924 nel racconto "Corydon" (già circolato confidenzialmente diversi anni prima, nel 1911), André Gide confessa pubblicamente la sua omosessualità.
Con il viaggio in Congo (1925-1926) inizia la sua presa di coscienza politica che lo porta nel 1932 ad aderire al comunismo. Nel 1935 presiede con Malraux al primo Congresso internazionale degli scrittori per la difesa della cultura.
Dopo un viaggio in Unione Sovietica rompe con le idee comuniste.
Nel 1947 riceve il premio Nobel per la Letteratura; nella motivazione si legge: "for his comprehensive and artistically significant writings, in which human problems and conditions have been presented with a fearless love of truth and keen psychological insight".
André Gide muore nella sua città natale, a Parigi, il 19 febbraio 1951: viene sepolto vicino alla cara Madeleine nel piccolo cimitero di Cuverville, nel dipartimento della Seine-Maritime.


[td] 1891 - I quaderni di André Walter
1891 - Il trattato di Narciso
1892 - Le poesie di André Walter
1893 - Il viaggio d'Urien
1893 - Il tentativo amoroso
1895 - Paludi
1897 - I nutrimenti terrestri
1899 - El Hadj ou le traité du faux prophète
1899 - Philoctète
1899 - Prometeo male incatenato
1901 - Il re Candaule
1902 - L'immoralista
1903 - Saul
1906 - Amyntas
1907 - Il ritorno del figliol prodigo
1909 - La porta stretta
1912 - Betsabea
1914 - Souvenirs de la Cour d’Assises
1914 - I sotterranei del Vaticano
1919 - La sinfonia pastorale
- - Isabelle
1920 - Corydon
1923 - Dostoevskij
[td]1925 - I falsari
1926 - Se il seme non muore
1927 - Fatti diversi
1927 - Viaggio in Congo
1928 - Ritorno dal Ciad
1929 - La scuola delle mogli
1930 - La sequestrata di Poitiers
1931 - Edipo
1931 - Note su Chopin
1934 - Pagine del Diario 1929-1932
1934 - Perséphone
1935 - I nuovi nutrimenti
1936 - Nuove pagine del Diario 1932-1935
1936 - Ritorno dall'URSS
1937 - Postille al mio Ritorno dall'URSS
1939 - Diario 1889-1939
1947 - Le Porcès, opera teatrale tratta da Franz Kafka
1947 - Et nunc manet in te
1950 - Diario 1942-1949
1952 - Ainsi soit-il ou les jeux sont faits
1993 - Consigli a un giovane scrittore, (Conseils au jeune écrivain)
- Caro maestro, caro Simenon
- Marcel Proust, Lettere a André Gide
- Le Grincheux, 1993


Michel, giovane studioso di filologia, contrae matrimonio con Marceline, donna devota ma mai veramente amata. Durante il viaggio di nozze in Africa si manifestano in Michel i sintomi della tubercolosi; in breve le sue condizioni di salute peggiorano e, ad un passo dalla morte, è solo grazie alle cure amorevoli della moglie che riesce a salvarsi. Provato nel fisico e soprattutto nell’animo, il protagonista matura durante i lunghi mesi della malattia una nuova concezione della vita. Giunge così alla conclusione che l’uomo che è stato prossimo alla morte impara a dare importanza ad eventi che prima gli sarebbero parsi insignificanti, e non tiene invece più conto di tutte le preoccupazioni futili che prima lo tenevano impegnato. L’essere scampato alla morte fa acquisire al protagonista una nuova consapevolezza di sé, portandolo a sviluppare aspetti prima sopiti o segretamente repressi. La malattia e la guarigione scavano profondamente nel suo animo, fino a formare un uomo nuovo, che distrugge l’immagine di quello precedente per rifondare la propria esistenza su altre basi. In breve Michel viene sedotto dal male o, meglio, da un male di vivere che bandisce ogni armonia, ogni costruzione perfetta e gioiosa, tendendo inevitabilmente verso l’autodistruzione. Guidato dal personale egoismo di temprare il proprio corpo ed incurante del precario stato di salute della moglie, Michel decide di intraprendere un lungo ed estenuante viaggio attraverso l’Italia e l’Africa, nonostante Marceline deperisse giorno dopo giorno a causa della stessa malattia da cui egli era guarito. Questo lungo viaggio verso l’Africa diventa un inesausto peregrinare, un’inesorabile discesa verso il baratro. Animato da una pervicace spinta distruttiva, Michel non dà tregua alla moglie, costringendola a continui spostamenti che di fatto ne provocano la morte.
Tutto il romanzo vive su questo drammatico rovesciamento di ruoli: il moribondo Michel guarisce grazie alle cure amorevoli della moglie e, ottenuta la salvezza, matura un odio profondo verso ogni forma di malattia o deformazione fisica. Per questa ragione, quando è Marceline ad ammalarsi, egli non le dedica le medesime attenzioni, prova quasi ribrezzo per la sua condizione provocandone, neppure tanto involontariamente, la morte. “Sapersi liberare non è niente; il difficile è sapere essere liberi” afferma il protagonista. E questa frase è tanto più vera per lui che, liberatosi della malattia, non è poi riuscito a trovare un senso propositivo per la propria esistenza.

Incipit:
I
Miei cari amici, vi sapevo fedeli. Al mio appello siete accorsi proprio come avrei fatto io al vostro. Eppure sono tre anni che non mi vedevate. Possa la vostra amicizia, che resiste così bene all’assenza, resistere altrettanto bene al racconto che voglio farvi. Poiché se vi chiamai all’improvviso, e vi feci viaggiare fino alla mia dimora lontana, è per vedervi, solo per questo, e perché possiate ascoltare. Non voglio altro soccorso che questo: parlarvi. Perché sono a un punto tale della mia vita che non posso più andare innanzi. Eppure non è per stanchezza. Ma non capisco più. Ho bisogno… Ho bisogno di parlare, vi dico. Potersi liberare è nulla; il difficile, è saper essere liberi. Lasciate che parli di me; vi racconterò la mia vita, semplicemente, senza modestia e senza orgoglio, con maggior semplicità che se parlassi a me stesso. Statemi a sentire:
L’ultima volta che ci vedemmo fu, me ne ricordo, vicino ad Angers, nella chiesetta di campagna dove si celebrava il mio matrimonio. Il pubblico era scarsamente numeroso, e l’eccellenza degli amici faceva di questa cerimonia banale una cerimonia commovente. Mi pareva che si fosse commossi, e ciò commuoveva anche me. Nella casa di quella che diventava mia moglie, un breve pranzo vi riunì a noi all’uscita della chiesa; poi una vettura pubblica ci portò via secondo l’uso che unisce nei nostri spiriti, all’idea di un matrimonio, la visione di una partenza.[/i]


Pubblicato nel 1902, ricco di spunti tratti dal vissuto dell'autore, L'immoralista inaugura il XX secolo con una spietata disamina della condizione intellettuale e del disagio profondo che la sostanzia, spesso trasformato in alibi per mascherare pulsioni molto meno confessabili. Il protagonista Michel vive drammaticamente il dissidio fra la rigida educazione puritana impartitagli dai genitori e le gioie dei sensi e della vitalità da lui scoperte durante un soggiorno in Africa, per il suo viaggio di nozze con una donna devota e non amata. Ma la battaglia di liberazione dal conformismo che egli ingaggia con se stesso, la sua ricerca del senso autentico dell'individualità al di là di qualsiasi pastoia sociale, morale o religiosa, si mutano ben presto per Michel in violenta affermazione di sé e del proprio egoismo, fino a provocare la morte della giovane moglie. Di fronte alla tragedia, il protagonista arriverà a capire la verità dei suoi comportamenti e delle sue colpe, ma ormai non potrà che contemplare disperato il male fatto a se stesso e agli altri.
A due anni dalla morte di Nietzsche, Gide con questo romanzo liquida senza appello, nel cristallino "cartesianesimo" della sua prosa, ogni pretesa di fondazione irrazionalistica o sensualistica dell'agire umano; e lo fa non con l'astratto rigore del moralista, ma con la sofferta consapevolezza di chi è stato affascinato da quelle lusinghe e con molta fatica, per un superiore imperativo etico, tenta di liberarsene: una testimonianza di verità dell'anima, che diviene fonte di straordinaria letteratura.

[right][/right]

http://img835.imageshack.us/img835/8892/9s7l.png|http://img713.imageshack.us/img713/6631/n0f6.png|http://img839.imageshack.us/img839/6927/36vj.png|http://img89.imageshack.us/img89/7479/t70y.png|http://img823.imageshack.us/img823/7678/infoebook.png|http://img585.imageshack.us/img585/6324/i0k5.jpg|http://img7.imageshack.us/img7/5066/biografiat.png|http://img850.imageshack.us/img850/4793/bibliografiax.png|http://img69.imageshack.us/img69/3121/1ra6.png|http://img839.imageshack.us/img839/372/recensioneca.png|http://img836.imageshack.us/img836/4274/11my.png

André Gide - L'immoralista MT Ebook-Ita-Pdf-Romanzo